Youtube chiude due canali di propaganda Nord Coreana

YouTube ha chiuso due canali di propaganda nordcoreani. Stimmekoreas Uriminzokkiri, i principali account YouTube sulla Corea del Nord con rispettivamente 20.000 e 18.000 abbonati, pubblicano ogni giorni i filmati della televisione di Stato attirando milioni di visite.

1502613020 lapresse 20170811145548 24004767 - Youtube chiude due canali di propaganda Nord Coreana

Da qualche settimana i canali sono stati chiusi per violazione delle norme della comunità della piattaforma video.

Gli accademici, che utilizzano questi canali per monitorare e valutare i progammi missilistici del regime di Kim Jong-un, hanno chiesto a YouTube di revocare la sua decisione in nome dell’interesse della sicurezza mondiale. In particolare, il professor Jeffrey Lewis, esperto di nucleare e direttore del Programma di non proliferazione dell’Asia orientale, si serve di questi canali per comprendere la portata nucleare del regime nordcoreano attraverso l’analisi dei video che mostrano i lanci dei missili e le fabbriche dove vengono costruiti. “La Corea del Nord è un Paese con armi termonucleari che possono raggiungere gli Stati Uniti – ha affermato Lewis a The Guardian – . Anche se non ci piacciono, è importante capire e bisogna iniziare analizzando la propaganda. Anche se è tendenzioso, puoi imparare molto dalle menzogne che dicono”.

Mentre Stimmekoreas è gestito da un sostenitore della Corea del Nord che pubblica video in alta definizione provenienti dalla Korean Central News Agency, Uriminzokkiri è direttamente collegato all’ala propagandistica del regime e diffonde filmati destinati ai nordcoreani che vivono all’estero.

“Quando Kim Jong-un visita una fabbrica in mezzo al nulla e fissa le macchine utensili fornisce un’importante conoscenza del progresso che stanno facendo”, ha continuato Lewis. Oltre al programma missilistico, i ricercatori americani utilizzano i video dei due canali YouTube anche per conoscere le persone di cui il dittatore si circonda.

Secondo alcuni esperti, YouTube avrebbe bloccato i canali nordcoreani perché le entrate pubblicitarie da loro generate violerebbero le sanzioni commerciali statunitensi. Ma non è la prima volta che la piattaforma video prende di mira la propaganda nordcoreana. Dal 2016, YouTube ha inaffti chiuso diversi canali tra i quali KoreanCentralTV1.